Contatti : 011.5623297

E-mail : fedpiemo@confagricoltura.it

LATTE, L’UNIONE FA LA FORZA:


Confagricoltura Torino e Confagricoltura Cuneo – nelle due province si produce la maggior parte del latte bovino ottenuto in Piemonte - hanno deciso di radunare i massimi esponenti agricoli e industriali di settore per avviare un confronto sulle prospettive commerciali del comparto lattiero caseario.L’appuntamento è per venerdì 8 marzo alla Cascina Vigna di Carmagnola (TO) alle 9,30. Per gli agricoltori parteciperanno, oltre al presidente di Confagricoltura Piemonte e Cuneo Enrico Allasia, il vicepresidente nazionale Matteo Lasagna, che è anche un allevatore lombardo; il rappresentante dei produttori piemontesi di latte di Confagricoltura Guido Oitana, e il presidente di Confagricoltura Torino Tommaso Visca, che è anche al vertice cooperativa Lait Service e dell’Associazione Produttori Latte Piemonte. Per la parte industriale siederanno al tavolo Franco Biraghi di Valgrana, Gabriella Bollino di Inalpi, Riccardo Pozzoli della Centrale del Latte d’Italia e Claudio Testa di Biraghi. La cooperazione sarà rappresentata da Marco Ottolini dell’AOP Latte Italia.Il confronto sarà anticipato dall’illustrazione degli ultimi dati di produzione ed evoluzione dei consumi nazionali e mondiali da parte di Angelo Rossi, fondatore del CLAL, il Centro Ricerche sul Latte.Modererà gli interventi Nicola Castellani, giornalista de L’Informatore Agrario.“L’obiettivo del confronto – spiega il direttore di Confagricoltura Torino Ercole Zuccaro - è capire come si può migliorare il sistema degli allevamenti, quali sforzi si stanno facendo nelle stalle, come risponde l'industria alle nuove domande del mercato, quali spazi si possono esplorare insieme per cercare di innovare il prodotto migliorando la competitività del sistema e recuperando valore aggiunto da distribuire tra tutti i soggetti coinvolti nel processo produttivo e commerciale”.“Tutto questo – aggiunge il direttore di Confagricoltura Cuneo Roberto Abellonio - con la convinzione che senza un lavoro coordinato sarà difficile poter reggere alla competizione nazionale e internazionale che vede le imprese accorparsi, rafforzarsi e integrarsi per impegnarsi in obiettivi sempre più sfidanti”.