Contatti : 011.5623297

E-mail : piemonte@confagricoltura.it

Convegno di presentazione di "Ageba" ad Asti


Il progetto scientifico, a cura del Consorzio del Barbera d'Asti e Vini del Monferrato, è finalizzato al recupero e alla valorizzazione del germoplasma antico del Barbera

Si è svolto venerdì 20 gennaio all'istituto Agrario Penna di Asti, la presentazione del progetto scientifico denominato “AGEBA, a cura del Consorzio del Barbera d'Asti e Vini del Monferrato, recupero e valorizzazione del germoplasma antico di barbera per l’adattamento al cambio climatico” che ha come obiettivo la selezione e lo studio di vecchi ceppi del vitigno Barbera impiantati in epoca preclonale.
Lo studio è incentrato sull'analisi del patrimonio genetico di tali “ceppi antichi” e sulla sperimentazione di tecniche colturali innovative utili a contrastare o almeno ad attenuare gli impatti del cambiamento climatico sul vitigno.
Verranno individuati e si valorizzeranno dei singoli ceppi di Barbera, messi a dimora nel periodo di pre-selezione clonale (fino agli anni ’70 del secolo scorso) portatori di caratteri utili ai fini dell’adattamento al cambio climatico ed esenti dalle principali virosi, dalla Flavescenza dorata e dal legno nero.
Lo scopo finale è quello individuare i relativi impatti sul vitigno Barbera in quanto le alte, ed a volte estreme temperature del periodo estivo, causano un elevato aumento del titolo alcolometrico e una significativa caduta dell’acidità nei vini. Infine lo studio e il recupero del patrimonio genetico di antichi ceppi del vitigno Barbera apporta nuovi elementi tecnici ed una maggiore consapevolezza all'adattamento della vite alle nuove condizioni climatiche.
All'incontro era presente anche la Confagricoltura di Asti, con il responsabile dell'Ufficio Vino, il prof. Bruno Rivella e la dott.ssa Alessia Fusco